04 Ott 2017

Prendere una decisione è allo stesso tempo un situazione rilevante e difficile: rilevante per portare avanti il proprio lavoro, qualsiasi esso sia. Difficile perché significa eliminare delle possibilità e quindi temere di perdere una o più possibilità. Per prendere delle decisioni in modo più consapevole ti invito a leggere il mio precedente post Prendere decisioni pesanti a cuor leggero.

Il problema coi pensieri

Prendere delle decisioni è alla fine anche gestire i propri pensieri; entrare in contatto con noi stessi per scegliere la migliore delle possibilità tra le opzioni che abbiamo individuato in quel momento.

Il problema coi pensieri è che, sebbene sappiamo che dentro di noi abbiamo un consigliere di grande valore, spesso dalla stessa fonte vengono fuori pensieri molto diversi. Come si fa allora a capire quando quello che ti sta consigliando il tuo cervello è veramente la scelta utile ai i tuoi obiettivi o è uno di quei pensieri completamente sbagliati?

Comincia dal tuo stato d’animo

Un modo molto pratico per capire se il tuo cervello sta lavorando bene è partire dal tuo stato d’animo. 

Quando ti senti bene, a tuo agio, sereno e in pace con te stesso e con gli altri, significa che i tuoi pensieri sono sani e probabilmente ti porteranno verso i tuoi obiettivi.

Quando, invece ti senti male o sei nervoso per una qualsiasi ragione, stai vivendo un sentimento negativo nei confronti di qualcuno o qualcosa, probabilmente i tuoi pensieri saranno di cattiva qualità. Il che significa che sarai portato a considerare ogni possibilità più improbabile e difficile e anche le buone opportunità scartate a priori. In uno stato d’animo di questo tipo sicuramente prederai decisioni non funzionali ai tuoi obiettivi.

Il semaforo delle decisioni

Se lo stato d’animo è così determinante per le tue decisioni perché non usare proprio questo per individuare la qualità dei pensieri?

Da come stai puoi capire se puoi affidarti ai tuoi pensieri. Se stati attingendo alla tua saggezza interiore. Puoi usare, in definitiva, i tuoi sentimenti come un sistema di allarme. Un semaforo che ti dice se accedere o meno ai tuoi pensieri per prendere una decisione.

Se non sei in pace con te stesso per una ragione qualsiasi, è come se una luce rossa ti avvertisse di liberarti dei tuoi pensieri prima di prendere una decisione. Uno stato d’animo di questo tipo paradossalmente può farti sentire un senso di urgenza. Questo è un ulteriore segnale per prenderti del tempo per recuperare uno stato d’animo adeguato.

Quando, invece, stai bene con te stesso e con gli altri tendi a fare pensieri di ottima qualità che possono portarti a ottenere i risultati che desideri. È la situazione che devi ricercare. È il semaforo verde per accedere alle tue migliori capacità e quindi per prendere le migliori decisioni.

Il tuo stato d’animo è in una situazione intermedia? Di indifferenza? Considera questa condizione come se una luce arancione ti invitasse a procedere con prudenza. Può darsi che sia il caso prestare attenzione ai tuoi pensieri che corrono nella tua mente o forse no. Dovrai proseguire nelle scelte fino a quando, ancora una volta, sarà il tuo stato d’animo ad informarti se stai intraprendendo la direzione giusta o è arrivato il momento di interrompere completamente il percorso e considerare inaffidabili i tuoi pensieri.

Gli indicatori di criticità

Individuare il proprio stato d’animo non è però sempre immediato. Puoi entrare in stati d’animo in cui non ti rendi conto effettivamente di quanto sei lontano da una situazione di serenità d’animo. Ecco alcuni indicatori che possono aiutarti ad individuare una situazione critica per il tuo stato d’animo:

  • stai male fisicamente
  • hai completamente perso il tuo senso dell’umorismo
  • se provi un sentimento di urgenza nel dover definire le cose. È la classica visione del tutto bianco o nero. Fai pensieri del tipo che non ha più senso fare qualcosa se non risolvi subito il problema del caso.

È paradossale ma proprio quando senti dentro di te questa sensazione di urgenza è proprio arrivato il momento di rallentare. Molto probabilmente è solo un pensiero e in poco tempo svanirà così come è arrivato.

Quando sei travolto da pensieri di urgenza e di situazioni molto preoccupanti e che ti destabilizzano, molto spesso quello che premia e ti da sollievo non è contrastare quel pensiero ma concentrarti sul presente. Il senso di paura diminuirà velocemente se riuscirai a venir fuori dalla continua ripresa di quei cattivi pensieri. Talvolta basta semplicemente pron dentro di se un semplice ”

Al contrario quando ti fai prendere da pensieri qualità puoi avanzare di un bel tratto verso la vita dei tuoi sogni.

 

 

Comment (1)

  1. Diventare imprenditori, 3 punti a cui pensare prima - Coaching d'Impresa

    […] Leggi a questi proposito anche: Come prendere decisioni […]

Leave your thought